frontAccompagnato da una nutrita pletora di nomi illustri torna in scena Tim Bowness, ex voce dei No-Man e con lui l’immancabile Steven Wilson anche se qui solo in veste di “regista” (mixing e mastering).

Lost in the Ghost Light, questo il titolo del nuovo album in uscita per Inside Out, prosegue sicuro sul cammino tracciato con i due lavori precedenti, e cioè l’ottimo Abandoned Dancehall Dreams ed il successivo Stupid Things That Mean the World.

Questa volta è il turno di un concept imperniato sulla vita, su e giù dal palco, di un immaginario musicista rock giunto al tramonto della sua carriera e questo, in un certo senso, segna una lieve differenza nelle sonorità. Leggi il seguito di questo post »

frontNell’orbita del neo prog, fatti salvi i gruppi totemici di genere, si aggira da molti anni una pletora di band le quali, fedeli sino in fondo ai dettami di stile, hanno ormai da tempo perso il treno giusto. C’è poi invece una ristretta cerchia, decisamente meno cospicua, che ha cercato lungo il percorso di rinnovarsi o, comunque, di aggiungere qualche elemento alternativo. E’ questo il caso degli olandesi Knight Area che, personalmente, seguo dai promettenti esordi e che proprio poco più di due anni fa con Hyperdrive avevano lanciato incoraggianti segnali per un nuovo corso.

Pubblicato da Butler Records, il quintetto olandese capitanato dal tastierista Gerben Klazinga presenta in questi giorni Heaven and Beyond, sesto capitolo del proprio catalogo. Leggi il seguito di questo post »

Layout 1A tre anni di distanza dal deludente Man On the RocksMike Oldfield torna in scena con un progetto annunciato quanto, a mio avviso, insidioso. Return to Ommadawn, titolo del nuovo lavoro, spiega ampiamente le intenzioni del poli strumentista e compositore di Reading ed il rischio conclamato è quello di scivolare in una operazione nostalgia tesa forse a riscattare un recente passato musicale non troppo brillante.

Questo album è stato presentato dal musicista come il sequel dello splendido disco pubblicato nel 1975 ricalcandone il formato, una lunghissima suite strumentale divisa in due parti; ne replica le atmosfere, il mood, diverse sonorità, generando in chi scrive un senso di malinconia per il tempo andato frammisto a perplessità. Leggi il seguito di questo post »

John Wetton (12.06.1949/31.01.2017)

Pubblicato: gennaio 31, 2017 in Uncategorized
Tag:

jwEra malato da tempo, stava combattendo con coraggio e dignità una battaglia che al termine, purtroppo, lo ha visto soccombere.

John Wetton ci ha lasciato, ed il primo ed istintivo ricordo corre ovviamente al suo basso ed a quella profonda ed espressiva voce con cui ha caratterizzato il sound dei King Crimson nella terza fase della loro carriera. Leggi il seguito di questo post »

front

Sei anni di silenzio (occorre ritornare a Road Salt Two) e la gravissima malattia che ha colpito nel frattempo Daniel Gildenlöw sono elementi sufficienti per certificare il ritorno sulle scene dei Pain Of Salvation come uno dei più attesi dell’anno appena cominciato.

In The Passing Light Of Day è infatti il titolo del nuovo lavoro della band svedese, il nono, pubblicato nuovamente per Inside Out e che presenta come già in passato una formazione rinnovata o, comunque, in parte rimescolata.

Spesso innovatori, in qualche modo alternativi nel loro bacino più naturale (il prog metal), i P.O.S. in carriera hanno saputo stupire di frequente anche se, a mio parere, non sempre con risultati ineccepibili. Leggi il seguito di questo post »

btR.I.P.