Pochi mesi fa (giugno) avevo presentato Texicali, EP  formato da quattro ottimi brani, che nelle intenzioni degli ZZ Top doveva servire da “antipasto” per l’imminente uscita del nuovo album.

Oggi finalmente è giunto il momento e dunque ecco uscire La Futura, quindicesima fatica per la band texana, che ne segna il ritorno effettivo nove anni dopo Mescalero.

Dieci brani fulminanti che vedono la produzione del vate Rick Rubin in collaborazione col band-leader Billy Gibbons, registrati in studio tra il Texas e la Californiaalbum davvero breve per gli standard odierni, una quarantina di minuti appena ma ampiamente sufficienti per mettere in campo tutta la carica, la forza, la grinta e la passione dei Tops.

La miscela musicale è sempre quella, oramai ampiamente collaudata; colate fumanti di southern rock, ampie digressioni rock blues e qualche fugace impennata hard. Fedeli alla loro linea sonora i tre musicisti si presentano in copertina di profilo, con la consueta dose di auto ironia.

L’approccio del disco è tipicamente e volutamente rivolto al passato, teso a ricreare quelle sonorità caratteristiche che hanno reso inconfondibile la band. Anche il titolo in lingua spagnola si incanala in quella che oramai è divenuta una tradizione per il trio, basti pensare a Tres Hombres, Deguello, El Loco, Fandango! 

Dieci brani, come dicevo; quanto ai primi 4 rimando alla recensione fatta a suo tempo per Texicali:

(https://agesofrock.wordpress.com/2012/06/11/zz-top-texicali-ep-2012/).

Parto pertanto dal quinto pezzo, in questo caso Heartache in Blues; il titolo è di per sé esplicativo, un bluesone sporco e cattivo venato di rock della miglior serie. Ritmica da metronomo, armonica in primo piano con la voce di Gibbons mentre la chitarra svaria e trascina il brano.

I Don’t Wanna Lose, Lose, You rimane a mio avviso una delle tracce trainanti e meglio riuscita; la voce roca e consumata di Gibbons si insedia al vertice di un pezzo tipicamente southern rock, fatto di riff incisivi e massicci, suoni distorti e tirati.

Di corsa arriva Flyin’ High, tipica digressione degli ZZ in campo hard, sempre frammista però a quel mood tipicamente southern del gruppo. Refrain facile, pure troppo, per un passaggio forse molto radio-friendly. Non manca l’inevitabile e gustoso solo di chitarra, il pezzo gira liscio ma resta l’impressione che manchi un pò di  corpo e anima.

Di nuovo un mood lento e torrido con It’s Too Easy Mañana; bellissime note di chitarra, cariche di eco, solcano le acque di questa ballad intensa che potrà forse apparire anche scontata ma che a mio parere fotografa invece lo spirito della band: un breve compendio di rock americano fedele alle proprie origini.

Big Shiny Nine mostra nuovamente il lato più facile (e giocoso se vogliamo) degli ZZ Top; traccia semplice, un rock blues basico e privo di fronzoli, nel quale la chitarra si erge a protagonista sostenuta dal duo basso/batteria, sempre ben presente ma mai debordante.

A terminare giunge Have a Little Mercy e qui la temperatura prende nuovamente a salire; rock blues davvero “ustionante” per la passionalità espressa e per i suoni messi in campo dalla band. Tutto molto semplice, diretto, chiaro ma tremendamente efficace.

First Album uscì nel 1971, i protagonisti erano Gibbons- Dusty Hill– Frank Beard; da allora i protagonisti sono ancora gli stessi e adesso, dopo quasi una decina di anni,  hanno deciso di rimettersi in gioco alla loro maniera, con le loro barbe e il loro rock blues grezzo e cattivo, senza se e senza ma. Non si può chiedere loro di inventare “qualcosa di nuovo” semplicemente perchè, mai come in questo caso, avrebbe poco senso: southern rock, rock blues..ZZ Top .

Max

commenti
  1. Clax scrive:

    Disco da dimenticare !!! detto da uno che ha tutti gli album della band, e che non vedeva l’ora di questo nuovo lavoro in studio. Album assolutamente privo di vitalità. Produzione che non mi piace affatto. Ottimo per prendere sonno. speriamo nel prossimo se mai lo faranno.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...