frontDarkest White è il nuovo album dei Tristania, settima uscita nel loro catalogo e seconda consecutiva che registra la voce femminile della “nostra” Mariangela Demurtas, brava e giovane cantante dalle origini sarde. Comincio subito da lei perché se il disco di tre anni fa (Rubicon) l’aveva vista esordire tra le fila del gruppo norvegese con un buon impatto, in questo caso si conferma e a mio avviso si supera.

Darkest White esce per l’etichetta austriaca Napalm Records sotto la produzione di Christer André Cederberg che ha al suo attivo tra l’altro l’ultimo album degli Anathema (Weather System).

La band di Stavanger ha debuttato nel 1998 con sonorità gothic metaldeath-doom metal; nel tempo ha aggiunto gradualmente una componente symphonic con la quale è andata sempre più caratterizzandosi.

Nightwish, Epica, Within Temptation e potrei continuare; ci sono aspetti però che distaccano i norvegesi dai gruppi citati, il principale dei quali risiede in un uso più limitato di orchestrazioni magniloquenti e di una musica per immagini, legata al fantasy cinematografico.Le emozioni ci sono (non poche) ma scorrono per vie più semplici se vogliamo; non mancano certo passaggi evocativi ma tutto rimane ancorato e molto legato alla musica suonata. Il fatto poi di contare su tre voci, una femminile e due maschili di cui una harsh contribuisce a mio avviso a renderli peculiari.

Oltre alla Demurtas dunque il combo è costituito da Kjetil Nordhus (voce clean), Anders Høyvik Hidle (chitarra e voce harsh), Ole Vistnes (basso), Gyri Smørdal Losnegaard (chitarra solista), Einar Moen (tastiere ed orchestrazioni) ed il deus ex machina Tarald Lie Jr., batterista ed autore dei testi.

Sono gli stessi sette elementi presenti su Rubicon ma in questa occasione i meccanismi sono meglio rodati ed il risultato di superiore qualità; gli undici brani sono stati composti da tutta la band.

L’iniziale Number e la conclusiva Arteries sono i pezzi nei quali i Tristania mantengono maggiormente un legame con con il loro passato death-doom. Il contrasto tra le voci pulite e quella dura e stridula riesce bene, contribuendo a dipingere paesaggi musicalmente più drammatici ed oscuri. Nella prima è la voce di Mariangela a fungere da contraltare mentre nella seconda è quella di Kjetil Nordhus.

Lo schema si ripete a dire il vero anche per la title track e per la breve ma efficacissima Night on Earth ma qui la parte vocale “sporca” è più limitata.

Himmelfall inaugura invece una serie di brani in cui emerge con più vigore il lato gothic e, a tratti, symphonic; molto bello il timbro basso e profondo di Nordhus, incalzato da una ritmica serrata e da riff possenti delle chitarre. Nella seconda parte spazio alla voce scintillante della Demurtas.

La tensione si mantiene alta, giocata molto sulle partiture vocali, in una sequenza di passaggi sfolgoranti come Requiem o carichi di pathos come Diagnosis.

Tinte più scure per Scarling nella quale nuovamente le due voci clean recitano da protagoniste; un metal più fosco e grintoso per Cathedral. Ottima Lavender, uno dei momenti migliori dell’album per intensità e per l’atmosfera creata, impreziosita da aperture corali in crescendo; solenne e sinfonica Cypher.

Un Cd piacevole questo Darkest White dove i Tristania mettono in evidenza un buon impianto musicale ma sopratutto un intricato e curato puzzle vocale, puntando a mio avviso molto su quest’ultimo aspetto. Niente di particolarmente innovativo o rivoluzionario ma il suono è solido, pulito, i singers sono di tutto rispetto e dunque credo sia  in grado di intrigare gli appassionati del genere.

Max

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...