Arlon On the Edge 2013

Pubblicato: luglio 28, 2013 in Saranno famosi
Tag:, , , , , , , , ,

frontEnnesima nuova proposta proveniente dalla Polonia; questa volta è il turno degli Arlon, brillante quintetto che debutta presentando On the Edge, convincente album di new prog appartenente di diritto alla “scuola” Riverside.

Gruppo che ha già dalla sua parte un’intensa attività live, ha rilasciato da poco questo disco pubblicato da Pronet Records con la speranza di conquistarsi un pò di attenzione che dico subito, a mio parere, meritano tutta.

Il progressive suonato dagli Arlon trae le sue origini da quello di matrice sinfonica degli anni ’80 (Marillion, IQPendragon) ma viene profondamente rivisto e modernizzato, sulla scorta di quello della band di Mariusz Duda; la fusione di queste ispirazioni da origine ad un suono compatto ma romantico, potente ma sinfonico, attuale e malinconico.

Dunque grande spazio a soli di chitarra, ad ampie strutture disegnate dalle tastiere, ad una notevole dinamica della ritmica, in grado di dettare e variare i tempi ma pure di giocare con i “vuoti” e con i “pieni” presenti nei brani.Come mi ritrovo spesso a sottolineare il gusto, a differenza della tecnica, difficilmente si impara; certo, si può affinare ma sino ad un certo punto. Rimane poi una prerogativa innata ed è ciò che più di tutto riscontro piacevolmente nel lavoro di Paweł Zwirn  (batteria) e compagni.

Non è così semplice al primo approccio esprimersi con una tale padronanza nel comporre, senza lasciarsi andare a sbavature dettate dall’inesperienza oppure da un eccesso di entusiasmo; la band mantiene il proprio sound saldamente bilanciato, equilibrato, per tutta la durata del lavoro, alternando momenti più compositi ad altri più intuitivi.

Scorrono così senza sosta passaggi dolci e nostalgici in mezzo ad altri più articolati, in una girandola sensata e mai abbandonata al caso o al sentire del momento. L’impressione è quella di un disco attentamente e pazientemente elaborato, nonostante rappresenti il primo atto.

Paweł Szykuła, giovane cantante e ultimo entrato a fare parte del gruppo, ricorda a tratti con il suo timbro malinconico quello di M.Duda. La chitarra di Wiesław Rutka (autore anche dei testi) si concede dei soli di vera bellezza ed emozione quando non è impegnata nel sostenere con i propri riff il “wall of sound” della band. Molto attiva e propositiva la coppia ritmica formata da Maciej Napieraj (basso) e dal già citato Paweł Zwirn.

Buon ultimo il poliedrico Jacek Szott (tastiere, sassofono, seconda voce e autore di parte di testi e musiche), vera anima del gruppo.

Tra le nove tracce contenute in On the Edge fatico a registrare un vero e proprio calo di tensione; a mio parere, volendo assolutamente utilizzare la lente di ingrandimento, l’unico brano che soffre di un piccolo ripiegamento a livello di impatto risulta Can I.

Per il resto c’è solo da scegliere, partendo (a caso) da un pezzo come The Key in grado di mostrare come questa sia una band capace di esprimersi contemporaneamente sul versante prog come quello prog metal; certo, probabilmente in questo caso le similitudini melodiche con i citati Riverside non sono poche ma credo che come “peccato di gioventù” sia loro da concedere. Raffinato il solo di chitarra racchiuso nella seconda sezione.

Altra perla è senza dubbio la conclusiva Was It Worth It che se da un lato può ricalcare anche il mood della precedente, da un altro invece si proietta indietro recuperando certo sentire del prog inglese, I due elementi, coesi ed omogenei, regalano un risultato a mio avviso sorprendente, per un brano mosso ed evocativo.

Gli altri pezzi sono tutti convincenti, dalla title track introduttiva ai due brani forse più romantici ed immediati, Everything For Her Lies

Raramente mi sono imbattuto in un’opera prima così matura, a mio avviso gli Arlon sono già pronti per farsi apprezzare anche da noi e meritano un’ attenzione particolare. Il quintetto di Przemyśl si propone a mio parere con ottime premesse.

Max

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...