Godsticks The Envisage Conundrum 2013

Pubblicato: settembre 7, 2013 in Saranno famosi
Tag:, , , , , , ,

frontBenché sia già stato pubblicato da alcuni mesi ritengo utile accennare a The Envisage Conundrum, seconda uscita del combo gallese Godsticks.

Autori di un crossover prog a tutto tondo, che talvolta va a pescare alcuni tortuosi ed arditi passaggi del repertorio zappiano, si erano posti all’attenzione nel 2010 con l’album di debutto intitolato Spiral Vendetta; tutt’altro che banale e prevedibile, il primo lavoro già rimarcava un sound particolare, piuttosto atipico, capace di coniugare momenti emozionali e melodici ad altri intricati e, per certi versi, coraggiosi.

Tour a supporto di grossi nomi quali Pineapple Thief The Aristocrats ne hanno decisamente arricchito il bagaglio di esperienza ed ecco che il secondo capitolo, The Envisage Conundrumè quasi venuto da sé.

In realtà il sound ha subito già un mutamento, pare più maturo e costruito. I Godsticks guardano intorno a 360 gradi, attraversando con i loro accordi fiumi musicali tra loro distanti e, a loro modo, ne compiono una sintesi.Si tratta indubbiamente di un sound molto inglese ma..non solo. Darran Charles (voce, chitarra e tastiere), Steve Roberts (batteria e tastiere) e Dan Nelson (basso) hanno reso più solide e complesse le partiture, compiendo un buon lavoro anche dal punto di vista vocale.

E’ singolare notare che a fronte di linee melodiche che possono tendere quasi verso il pop fanno poi da contraltare sonorità elaborate ed articolate, appartenenti a perimetri sonori molto più ricercati; il richiamo ad elementi zappiani fatto in apertura non è infatti casuale, prova ne sia che il gruppo tra marzo ed aprile scorso è stato in tour a supporto della Mike Keneally Band (già collaboratore nella band del grande Frank).

Dodici le tracce in programma per  The Envisage Conundrum, tra queste risaltano approcci diversi come ad esempio per Submerged che guarda con decisione all’esperienza con Keneally. Oppure adagiandosi su di un pop/rock raffinato come in A Brief Foray (anche se il solo conclusivo della chitarra di Darran Charles rimanda..dove già detto),

Un vago accenno pianistico alla Keith Emerson per la soffusa Disclosure, l’ottima ed aggressiva Caught In A Bind (quasi crimsoniana nel suo andamento) con curate e possenti linee melodiche. Ancora, la title track con il suo andamento angolare e spigoloso; In A Way That Ended Me che presenta vocalità difficili e strutturate, in un paesaggio sonoro particolarissimo che va dai Pineapple Thief a certo alternative di scuola Pearl Jam.

Detto di Benchmark, con la chitarra acustica e la voce dolente ed acuta di Charles in bella evidenza e della finale Raised Concerns, malinconica ballad impostata su chitarra acustica, voce e piano, rimane da affrontare il piatto forte e cioè Borderstomp, una suite che i Godsticks hanno scelto di dividere in tre parti.

Nella prima (sottotitolata Death to Tuesday) si impone un suono più cupo e duro, rotto soltanto dalla ricerca della melodia del singer. La seconda, denominata Blind, vede di nuovo un interessante solo del chitarrista mentre la terza ed ultima (Cielo Azul) è quella a mio avviso più emozionante, gravida di suoni bollenti, nuovamente distesa in un mood che in qualche modo può ricordare qualcosa della band di Eddie Vedder da un lato ed una chitarra zappiana dall’altro.

Questo in breve ed in ordine sparso; mai come negli ultimi anni la critica e gli appassionati sono costantemente alla ricerca (a torto o a ragione) di qualche gruppo innovativo, di qualche band fuori dagli schemi più conosciuti. Ecco, in questo caso non mi sento di certificare che i Godsticks siano una novità assoluta nel panorama attuale ma, sicuramente, sono diversi da tanti altri ed assolutamente non banali.

Max

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...