Keith Emerson (02.11.1944 / 10.03.2016)

Pubblicato: marzo 12, 2016 in Uncategorized
Tag:, ,

ESono tante le cose che vorrei dire in questa occasione, forse troppe per metterle in fila con un filo logico accettabile; prevalgono lo stupore ed il dolore per la scomparsa non solo di un immenso musicista ma anche, in un certo senso, di un “compagno” della giovinezza e poi della vita intera.

Keith Emerson ha rappresentato per me la vera icona del suo strumento, così come lo sono stati ad esempio nei rispettivi ambiti Jimi Hendrix Chris Squire. Ricordo negli anni d’oro le infinite diatribe tra amici su chi fosse il migliore tra lui e Rick Wakeman, come rammento che giocando al super gruppo ideale lui per me fosse costantemente titolare nel ruolo di tastierista.

Il piano ed il moog sono stati la voce ed il prolungamento della sua anima, quando estrosa, ribelle ed incontenibile, quando romantica ed intima, forte di una preparazione classica non da tutti.

Lodato, venerato ma al tempo stesso denigrato ed attaccato per alcuni atteggiamenti ritenuti eccessivi, in realtà forse solo appartenenti ad un’epoca dove tutto era possibile.

Una perdita immensa, goodbye Maestro.

Max

Annunci
commenti
  1. gianni ha detto:

    Pezzo dopo pezzo stanno svanendo i personaggi della musica che ascolto e che raramente vengono sostituiti dai nuovi.

  2. The Butcher ha detto:

    Porca miseria, pure lui. Quest’anno ci stanno lasciando dei veri artisti…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...