Disperse – Foreword 2017

Pubblicato: marzo 7, 2017 in Saranno famosi
Tag:, , , , , , , , ,

Esattamente a quattro anni di distanza torno a parlare dei polacchi Disperse per il loro terzo e nuovo album intitolato Foreword. Una breve segnalazione, utile spero a tenere d’occhio una giovane band depositaria di un sound piuttosto composito, amalgama di molteplici influenze ma comunque alla fine interessante.

Con una coppia ritmica nuovamente mutata, il quartetto guidato da Jakub Zytecki (chitarre) propone così un prog metal piuttosto sui generis e abbastanza personale, una rilettura di genere ad ampio raggio che sconfina nella fusion quanto nel progressive rock, innalzando ora la tensione con frequenti incursioni in campo djent metal. Abbandonati dunque quei riferimenti ai Riverside che facevano parte del repertorio, Foreword mostra dunque un lato inedito della band.

Sono undici i brani in scaletta e, a dire il vero, il disco inizialmente vive una partenza interlocutoria. Stay, dotata di gran tiro e da subito impregnata di tensioni djent che mettono in luce il lavoro della nuova accoppiata formata da Bartosz Wilk (basso) e Mike Malyan (batteria), è seguita da un paio di brani in chiaro-scuro. Surrender si muove sulla stessa falsariga ma scarseggia quanto a personalità (i TesseracT sembrano dietro l’angolo) mentre Bubbles assume i contorni di una up-tempo ballad non troppo convinta, nonostante il prodigarsi della voce di Rafał Biernacki.

Qui i Disperse ingranano un’altra marcia ed infilano un pugno di tracce di buona intensità. La forza e le variazioni policrome di Tomorrow, la sinuosità ipnotica di Tether, la morbidezza ed il lavoro funambolico della chitarra in Sleeping Ivy,  le trame articolate ed efficaci di Does It Matter How Far.

Un discreto filler (la title track), un passaggio forse un poco stentato (Neon) ed un paio di pezzi di buon spessore per chiudere. Gabriel, dal ritmo sincopato e punteggiata da frasi della chitarra ed infine Kites, incalzante e suggestiva.

Un netto cambio di rotta dunque per i Disperse alla ricerca di una definitiva identità ma il lavoro è apprezzabile, pur se ancora da affinare quanto a carattere.

Max

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...