Anneke van Giersbergen – The Darkest Skies Are The Brightest 2021

Pubblicato: febbraio 27, 2021 in Recensioni Uscite 2021
Tag:, , , , ,

Un album dai riscontri non proprio unanimi ed entusiastici (il debutto con i Vuur), una crisi matrimoniale profonda e lacerante (poi rientrata) che ha lasciato comunque delle cicatrici, poi la pandemia ed il conseguente azzeramento dell’attività sul palco Gli ultimi anni per Anneke van Giersbergen sono stati piuttosto intensi e complicati e a testimoniarlo esce ora il nuovo lavoro solista intitolato The Darkest Skies Are the Brightest, pubblicato per InsideOut.

Si tratta quindi di un album molto personale, intimo e sentito, composto interamente dalla cantante di Eindhoven con il solo ausilio del chitarrista Gijs Coolen, vecchio amico e sodale.

In buona parte acustico, giocato su melodie morbide e malinconiche ad accompagnare adeguatamente i testi, The Darkest Skies Are the Brightest è in realtà uno spaccato di vita vissuta, una sequenza di istantanee che rimandano l’immagine di una donna, oltre che di una musicista, con tanta esperienza maturata ed un approccio vocale, ovviamente, piuttosto distante da quello dei tempi dei Gathering.

L’amarezza, il senso di sconfitta e tutta la girandola di sentimenti che si alternano a causa della rottura di un’importante relazione sentimentale vengono dunque riversati in prima persona, in presa diretta verrebbe da dire, tra i solchi delle 11 canzoni che compongono il disco, orientandone decisamente l’inclinazione; gli stessi arrangiamenti, spesso scarni e minimali, contribuiscono ad accrescere il senso di vuoto e di introspezione di alcuni passaggi.

Alla luce di quanto sopra risulta evidente come questo per Anneke van Giersbergen sia un lavoro connesso strettamente al proprio vissuto, molto personale e dunque da valutare con un occhio particolare. Mancano infatti guizzi vocali ed accelerazioni musicali, in talune occasioni appena accennate. Le trame sono semplici e a tratti non manca una sensazione di opacità, di un piatto grigiore cui riesce a fare essenzialmente da contraltare il timbro sicuro, evocativo ed espressivo della cantante olandese.

Dalla track list voglio evidenziare il singolo (introduttivo) Agape, nel quale la malinconia di un arpeggio della chitarra acustica ed il lavoro degli archi si sposano alla perfezione con la voce di Anneke.

Lo sviluppo più incalzante della successiva Hurricane, il ritmo rotondo e dolce di The Soul Knows, la triste consapevolezza della suggestiva The End, lo svolgimento bluesy di Lo and Behold, i tenui colori pastello di Love You Like I Love You. Queste a mio avviso sono le tracce più a fuoco, quelle che meglio tramettono lo stato d’animo dell’autrice. Le restanti gravitano intorno ad una linea piacevole ma scontano un (inevitabile) filo di prevedibilità.

Opera molto soggettiva, The Darkest Skies Are the Brightest offre un ritratto forse inedito, di certo particolare di Anneke van Giersbergen.

Max

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.