Posts contrassegnato dai tag ‘Daniel Gildenlöw’

Panther, nuovo ed undicesimo album dei Pain Of Salvation, in uscita per Inside Out, è forse una delle pubblicazioni più attese di questo anno.

Non si tratta di un lavoro immediato, si svela man mano e manifesta un’anima piuttosto diversa dal lavoro precedente.

Infatti, se In the Passing Light of Day rifletteva mirabilmente i tormenti, le angosce e la ri-acquisita speranza vissute da Daniel Gildenlöw a causa della terribile malattia che lo aveva precedentemente colpito, il nuovo disco sprigiona invece una energia magmatica, tra spunti elecronic induriti ed un sound nel complesso molto più oscuro, dove probabilmente l’unica concessione alle splendide ed intense atmosfere oniriche del recente passato è insita nella lunga traccia di chiusura. (altro…)

The Persistence : il persistere, ma pure il rimanere ed anche il sopravvivere. Il non darsi mai per vinti, restando con i piedi ben ancorati al suolo, riuscendo così a sopravvivere di fronte alle più forti avversità.

L’incredibile nuovo album dei Kingcrow reca con sé questo messaggio e l’ho volutamente definito incredibile perché dimostra come ancora oggi sia possibile, per una band dalla storia quasi ventennale, esplorare con successo territori non compresi in quella che (a questo punto) era l’area di appartenenza.

Se con Eidos il gruppo romano aveva già compiuto dei passi ampiamente significativi in questa direzione, con The Persistence il dato si evidenzia maggiormente, rendendo oggettivamente difficile inquadrare rigidamente il sound in un solo genere. (altro…)

Giugno 2018 si segnala per la pubblicazione di esordio di un nuovo super-gruppo, The Sea Within. L’album reca un titolo eponimo ed è edito per InsideOut mentre la band, come ampiamente preannunciato, è composta da: Roine Stolt chitarra e voce (Flower Kings Transatlantic), Jonas Reingold basso(Flower KingsKarmakanic The Tangent), Daniel Gildenlöw voce e chitarra (Pain Of Salvation), Tom Brislin tastiere e piano (alcune lussuose collaborazioni nel passato) e Marco Minnemann batteria (The Aristocrats).

Come se tutto questo non bastasse, si aggiunge pure una lista di ospiti eccellenti: un intenso cammeo di Jon Anderson, un contributo al piano di Jordan Rudess, il sax di Rob Townsend (Steve Hackett) e, in due tracce oltre che presenza fissa on stage, la voce di Casey McPherson (Flying Colors). (altro…)

front

Sei anni di silenzio (occorre ritornare a Road Salt Two) e la gravissima malattia che ha colpito nel frattempo Daniel Gildenlöw sono elementi sufficienti per certificare il ritorno sulle scene dei Pain Of Salvation come uno dei più attesi dell’anno appena cominciato.

In The Passing Light Of Day è infatti il titolo del nuovo lavoro della band svedese, il nono, pubblicato nuovamente per Inside Out e che presenta come già in passato una formazione rinnovata o, comunque, in parte rimescolata.

Spesso innovatori, in qualche modo alternativi nel loro bacino più naturale (il prog metal), i P.O.S. in carriera hanno saputo stupire di frequente anche se, a mio parere, non sempre con risultati ineccepibili. (altro…)

frontLe cronache raccontano di un primo contatto avvenuto un paio di anni fa in occasione della Progressive Nation At Sea Cruise, un incontro live risultato molto proficuo tra i Transatlantic e l’indimenticabile ex voce degli Yes. Successivamente il patron della Inside Out (Thomas Waber) ha spinto e fatto in modo che quel feeling istintivo, quelle affinità musicali sgorgate con inaspettata naturalezza, trovassero approdo in un album di materiale inedito.

Nasce così, in poche parole, l’estemporaneo incrocio tra Jon Anderson Roine Stolt, un progetto sulla carta se vogliamo anche bizzarro ed oltretutto preceduto dal non troppo confortante episodio che ha visto protagonista lo stesso cantante e Jean Luc Ponty. (altro…)