Posts contrassegnato dai tag ‘Gavin Harrison’

Il rientro sotto l’egida della Metal Blade Records sancisce per i Fates Warning la pubblicazione del loro nuovo e tredicesimo album, intitolato Long Day Good Night.

Sono trascorsi quattro anni dal precedente Theories of Flight ma bisogna ricordare che successivamente è uscito l’ottimo Winter Ethereal a firma John Arch e Jim Matheos, a testimonianza di una vitalità ancora sorprendente. A tale proposito, prima di addentrarmi nel racconto del nuovo disco, mi corre l’obbligo di sottolineare come Jim Matheos e compagni abbiano saputo mantenere una qualità mediamente alta in un arco di tempo molto ampio, sinonimo di una band molto centrata e capace di sottrarsi a certe moderne logiche di mercato che registrano un intasamento di pubblicazioni ma, al contrario, centellinando le uscite.

(altro…)

Dopo una doppietta di eccellente qualità (Your Wilderness 2016 Dissolution 2018) i Pineapple Thief di Bruce Soord provano a rilanciare con Versions of the Truth, pubblicato per KScope.

La strada imboccata questa volta prevede in parte un ritorno al passato; infatti, pur mantenendo alcune delle atmosfere intimiste ed ombrose i brani si srotolano in forma canzone, con una presa più diretta, in alcuni momenti quasi più catchy, realizzando dunque una sorta di via intermedia tra quelli che sono i momenti più salienti del loro catalogo.

Tornano così le primigenie influenze Porcupine Tree, non mancano le atmosfere dal gusto estatico e quei velati richiami ai Radiohead; il tutto però viene elaborato secondo i dettami melodici del quartetto attraverso un canale più immediato. (altro…)

Assoldato definitivamente Gavin Harrison ed il suo enorme bagaglio di tecnica ed esperienza, tornano a far parlare di sé i Pineapple Thief e lo fanno con Dissolution, nuovo lavoro del quartetto guidato da Bruce Soord, edito ancora una volta da Kscope.

E non è da poco la curiosità di andare a verificare la proposta della band a due anni di distanza da quello che rimane sin qui (a mio parere) l’episodio più completo e maturo della loro discografia, Your Wilderness.

In linea generale dunque si può parlare di una nuova stagione per Soord e compagni, le idee sono più a fuoco ed il cammino procede senza tentennamenti, giovandosi ora pure dell’apporto fattivo (ed in alcuni casi determinante) di un Gavin Harrison non più turnista, seppure di gran lusso, ma membro effettivo. (altro…)

Forte del crescente successo con il duo Iamthemorning, il virtuoso e talentuoso pianista russo Gleb Kolyadin si cimenta per la prima volta con un lavoro solista, in proprio, dal titolo eponimo e pubblicato per Kscope.

Una ghiotta occasione per gustare appieno le doti compositive e l’abilità tecnica del giovane musicista e, per fortuna aggiungo, non solo; non si tratta infatti solo di uno sforzo teso ad esibire “i muscoli”, ma di una serie di composizioni ben strutturate ed arrangiate. Alcune partiture vedono il solo piano in azione, altre spaziano grazie ad un’articolazione profonda che si giova di interventi vocali di prestigio e svariate collaborazioni strumentali di estremo rilievo.  (altro…)

frontContinuando a mantenere una media invidiabile, Bruce Soord ed i suoi Pineapple Thief vedono in uscita per Kscope Your Wilderness, undicesimo album di una serie cominciata 17 anni fa. Dopo due prove discrete ma non propriamente esaltanti (All the Wars ed il successivo Magnolia), il front man ha pubblicato un album solista, eponimo, in cui a mio avviso ha innalzato la propria cifra stilistica oltre il livello conseguito con la band negli ultimi anni.

Ora è il turno di riproporsi con il gruppo, a pieno regime e tra l’altro con un ragguardevole ventaglio di ospiti: sono presenti infatti Gavin Harrison (batteria), John Helliwell dei Supertramp al clarinetto, Geoffrey Richardson dei Caravan per un quartetto d’archi e l’ormai fidato Darran Charles (Godsticks) alla chitarra. (altro…)