Posts contrassegnato dai tag ‘Greg Spawton’

Solo un anno fa ero qua a descrivere le qualità ed i pregi di Folklore ed ecco che i Big Big Train tornano alle stampe con Grimspound, decima pubblicazione del loro percorso discografico.

Mixato e masterizzato da Rob AubreyGrimspound è in un certo senso la prosecuzione ed il completamento del disco precedente ed in qualche modo ne ricalca le linee guida, la densità e la tensione e persino la durata. Un lavoro molto compatto, omogeneo, che sottolinea ancor più che in passato lo stile ormai assolutamente personale e caratteristico della band guidata dall’impeccabile David Longdon.

Ed ancora, anche questo è un lavoro che si svela man mano, illuminando dettagli sempre più nitidi e ricercati a cornice di trame mai banali. (altro…)

Annunci

frontForti del successo ottenuto con i due capitoli intitolati English Electric, i Big Big Train tornano in prima linea con il nuovo lavoro, Folklore, nono della serie. Siamo ormai davanti ad una delle migliori espressioni dell’attuale scena progressive inglese, gli echi di stampo genesisiano permangono ma mitigati e abbondantemente filtrati perché la band da qualche anno ha portato a compimento la propria maturazione, sfoggiando un proprio stile ed una propria inclinazione che, se è decollata da un momento storico ed un gruppo di riferimento, ha saputo poi trovare uno sviluppo piuttosto personale.

Il nuovo disco non manca di mettere in luce il gusto per la contaminazione tra elementi prog e folk, sposando sonorità moderne ad altre d’annata ma cercando sempre di rendere attuale la proposta. (altro…)

frontCome annunciato lo scorso settembre in occasione dell’uscita di English Electric (Part One), puntualmente a marzo i Big Big Train  si ripresentano proponendo il secondo capitolo, English Electric (Part Two).

La prima parte di questo doppio lavoro, quella uscita nel 2012, si è rivelata un successo, addirittura magnificata dalla stampa inglese; anche da noi i riscontri sono stati molto positivi ed in effetti posso dire di averlo trovato uno degli album progressive migliori dello scorso anno. La capacità di miscelare elementi canonici e nuovi, il sapere tratteggiare in modo delicato ma al tempo stesso incisivo situazioni e personaggi, un songwriting mai banale e scontato fanno sì che ogni episodio sia spesso denso di spunti notevoli.

Finalmente, verrebbe da dire, i giusti meriti sono stati tributati al gruppo di Greg Spawton e compagni; trovata la quadratura del cerchio con una formazione stabile il gruppo pare davvero lanciato verso un orizzonte roseo, supportato da continui miglioramenti. (altro…)

frontThe Man Left in Space, nuovo album dei Cosmograf, rappresenta già la quarta uscita per la band inglese; attivi dal 2008 con l’album di esordio (Freed from the Anguish) che li pose all’attenzione per gli evidenti richiami ai Pink Floyd, sono rimasti sin qui un piatto prelibato destinato quasi esclusivamente ai cultori del progressive. Più che di una band vera e propria bisogna parlare in realtà di un progetto che ruota intorno al polistrumentista Robin Armstrong, il quale si circonda di volta in volta di validissimi musicisti funzionali alle sue idee; tra questi è impossibile non menzionare subito il grande drummer Nick D’Virgilio e Greg Spawton dei Big Big Train. Una sorta di gruppo-aperto con qualche membro più o meno stabile e d’intorno un discreto turn over di ottimi strumentisti.

Armstrong canta e suona davvero ogni strumento, lasciando però spazio ai collaboratori in tutte le sezioni più articolate e particolari dei suoi lavori; anche in questo caso sforna un concept, basato sulla storia di una missione spaziale con un solo astronauta (condannato), lanciata per salvare l’umanità; si svolge in un futuro neanche troppo lontano. (altro…)

Qualche giorno fa stavo ascoltando dopo tanto tempo Bard (2002) e parlando con un’amica questa mi ha chiesto cosa ne pensavo dell’ultimo album dei Big Big Train; sono rimasto letteralmente spiazzato perché evidentemente l’uscita mi era sfuggita e ho pensato di rimediare subito. Così, ecco qua English Electric, settima e recente fatica del quintetto inglese capitanato da Greg Spawton; a dirla tutta c’è anche un sottotitolo, Part One, perché a marzo del prossimo anno la band farà uscire il secondo capitolo.

Da sempre alfieri di un new prog ben suonato e con evidenti derivazioni dal passato rimangono ancora tra quei gruppi che in effetti hanno forse raccolto meno di quanto seminato. Accomunati al giro “che conta” in alveo progressive in realtà ne sono  rimasti per lungo tempo in seconda fila e questo nonostante una produzione sin qui di indubbia qualità, a cominciare dal debutto collocato nel 1994. Stessa sorte  è capitata a diverse band in ambito prog, restate in qualche modo figlie di un dio minore benchè la proposta si fosse rivelata interessante. Nel caso particolare i BBT  non erano certo gruppo di nicchia ma oggettivamente non si andava molto più in la; solo negli ultimi anni finalmente sono stati capaci di ritagliarsi il posto che meritano. Considerazioni queste magari anche scontate ma trovo utile ribadire come sovente oggi la buona musica vada cercata perché altrimenti i media su questo non vengono di certo in aiuto. (altro…)