Posts contrassegnato dai tag ‘Jordan Rudess’

A soli due mesi di distanza dalla pubblicazione dell’album dei Dream Theater, è in uscita in questi giorni Wired for Madness, nuovo lavoro solista del tastierista Jordan Rudess. Una tempistica quindi abbastanza curiosa, figlia forse del tempo che viviamo e pertanto della considerevole mole di musica che ci viene proposta a getto continuo.

Riprendendo uno schema interrotto con The Road Home (2007), è di nuovo presente una folta schiera di ospiti: oltre ai due sodali James LaBrie e John Petrucci, si contano infatti Guthrie GovanVinnie Moore e Joe Bonamassa alla chitarra, Marco Minnemann e Rod Morgenstein (Dixie Dregs) alla batteria.

Un ritorno all’antico dunque, lasciando da parte lavori per solo piano o realizzati invece con l’ausilio di un’orchestra. (altro…)

Distance Over Time è il titolo del nuovo lavoro dei Dream Theater pubblicato per Inside Out, quarta fatica dell’era-Mangini.

Dopo le perplessità espresse intorno a The Astonishing a mio vedere al quintetto occorreva un cambio di marcia che è giunto puntuale con questo nuovo album.

Ma in quale direzione è avvenuto ? Sfrondato il sound da eccessive pomposità, asciugato da barocchismi poco utili alla causa, liberato James LaBrie dai plurimi e gravosi compiti di interpretazione sostenuti tre anni or sono, la band ha optato per un ritorno al passato, ad un sound molto tecnico ma più diretto, percorrendo binari conosciuti senza imbarcarsi in avventure oltremodo ambiziose ma dall’esito incerto. (altro…)

Giugno 2018 si segnala per la pubblicazione di esordio di un nuovo super-gruppo, The Sea Within. L’album reca un titolo eponimo ed è edito per InsideOut mentre la band, come ampiamente preannunciato, è composta da: Roine Stolt chitarra e voce (Flower Kings Transatlantic), Jonas Reingold basso(Flower KingsKarmakanic The Tangent), Daniel Gildenlöw voce e chitarra (Pain Of Salvation), Tom Brislin tastiere e piano (alcune lussuose collaborazioni nel passato) e Marco Minnemann batteria (The Aristocrats).

Come se tutto questo non bastasse, si aggiunge pure una lista di ospiti eccellenti: un intenso cammeo di Jon Anderson, un contributo al piano di Jordan Rudess, il sax di Rob Townsend (Steve Hackett) e, in due tracce oltre che presenza fissa on stage, la voce di Casey McPherson (Flying Colors). (altro…)

Forte del crescente successo con il duo Iamthemorning, il virtuoso e talentuoso pianista russo Gleb Kolyadin si cimenta per la prima volta con un lavoro solista, in proprio, dal titolo eponimo e pubblicato per Kscope.

Una ghiotta occasione per gustare appieno le doti compositive e l’abilità tecnica del giovane musicista e, per fortuna aggiungo, non solo; non si tratta infatti solo di uno sforzo teso ad esibire “i muscoli”, ma di una serie di composizioni ben strutturate ed arrangiate. Alcune partiture vedono il solo piano in azione, altre spaziano grazie ad un’articolazione profonda che si giova di interventi vocali di prestigio e svariate collaborazioni strumentali di estremo rilievo.  (altro…)

frontQuello che poco meno di tre anni fa poteva sembrare un progetto isolato, del tutto episodico, trova invece una continuazione proprio in questo periodo; e’ infatti in uscita il secondo capitolo del power -trio LevinMinnemannRudess intitolato From The Law Offices Of.. e dove i tre musicisti vengono ritratti in copertina nei panni di ineffabili professionisti.

Proporre un lavoro strumentale basato sul talento immenso dei protagonisti e, comunque, su un onesto songwriting era stato già un ottimo risultato, raggiunto con il disco d’esordio (LMR);  tentare di migliorarsi oltrepassando quella soglia non è semplice, volendo affidarsi a partiture piuttosto spinte, serrate e (come sottolineato) assolutamente prive di parti cantate. (altro…)

frontMesi fa sono cominciate a trapelare le prime indiscrezioni che hanno trovato successivamente conferma: il nuovo album messo in cantiere dai Dream Theater, tredicesimo della serie, sarebbe stato un doppio. Bisogna tornare indietro sino a Six Degrees of Inner Turbulence (2002) per ritrovare i cinque sulla strada di una release così impegnativa e, dunque, è necessario fare riferimento a tanto tempo fa.

Una sfida audace ed insidiosa quindi per la prog metal band americana che nel lungo lasso di tempo intercorso ha vissuto comunque momenti intensi ed una discografia sempre viva ed in costante movimento; è passata tanta acqua sotto i ponti e così la pubblicazione di The Astonishing (edito per Roadrunner Records), mastodontico nelle sue due ore e dieci minuti di musica, appare molto ambiziosa. (altro…)

front

In mezzo ai mille impegni con i Dream Theater ecco che Jordan Rudess riesce di nuovo a ritagliarsi uno spazio del tutto personale, lontano dalle sonorità della band. Explorations è il nuovo album solista del virtuoso tastierista newyorkese e mai titolo fu più significativo. Infatti, non si limita a sperimentare partiture distanti da quelle usuali ma crea un’opera davvero a sé stante che poggia sul suo lavoro al piano e alle tastiere, coadiuvato da una vera orchestra.

Album interamente strumentale che tra l’altro prevede interventi abbastanza limitati di altri strumenti canonici in ambito rock; un’opera sicuramente non nuova nella sua concezione ma che a mio parere va ad arricchire in modo sostanziale la già nutrita discografia solista di “the Wiz”.

Interessante anche la genesi di questo che è il quattordicesimo titolo della sua personale discografia; un progetto con radici molto lontane che grazie ad internet ed alla tecnologia è riuscito a trovare compimento.

(altro…)