Posts contrassegnato dai tag ‘Nik Turner’

Camaleontici, trasversali, poliedrici, versatili…negli anni gli Ulver ci hanno abituato a solcare mari musicali tra i più differenti, proponendo quasi costantemente un desiderio di innovazione e cambiamento; questa volta credo però che si siano superati, oltrepassando ogni aspettativa. The Assassination of Julius Caesar, titolo del nuovo album, stupisce infatti per il taglio profondamente elettronico e al tempo stesso immediato, una sorta di electronic pop-rock non così distante da alcune atmosfere care ai Depeche Mode.

Nel caso della band norvegese non credo si possa parlare di svolta perchè già troppe volte in passato hanno scelto traiettorie diverse e alternative; certo è che un sound di questo tipo sorprende e non poco. (altro…)

frontUno strano e particolare melangé tra sonorità art rock new prog, di certo accattivante sin dal primo ascolto: questa la proposta degli inglesi Eden Shadow al debutto ufficiale con Phases, album fresco e veloce contenente otto brani e pubblicato da White Knight Records. 

Raramente mi sono imbattuto in un esordio così eterogeneo ma al tempo stesso organico e, sopratutto, efficace. I tre componenti della band sono nomi nuovi del circuito ma devo dire che dimostrano da subito una certa personalità, eclettismo ed una buona dose di gusto (che resta sempre un valore aggiunto).

A dire il vero esiste al loro attivo già un EP (Hail del 2012) che però non conosco. (altro…)

frontOrchestrali americani ed inglesi, largo utilizzo di cori, sezioni di archi e fiati, arpe e violoncelli; un cast di musicisti incredibile per narrare una storia avvenuta nel ‘600. Questa in breve l’idea, il progetto, messi in campo dal poli strumentista americano Robert McClung .

The Legend of Goody Cole è il titolo del nuovo lavoro (il secondo) a nome Telergy, un ensemble faraonico formato da 33 tra musicisti e coriste; una rock opera a tutti gli effetti, un dramma a tinte symphonic prog metal che segue a due anni di distanza il primo episodio (Exodus).

Riflessi prog, gothic, symphonic, prog metal colorano l’immensa tavolozza del plot, in un susseguirsi senza fine di colpi di scena e stati d’animo; la storia, brevemente, verte sulle vicende e sulla leggenda di Goody (Eunice) Cole, vissuta nel tardo 1600 nel New Hampshire ed accusata di stregoneria. (altro…)