Posts contrassegnato dai tag ‘Ninet Tayeb’

Ci eravamo lasciati con la promessa di qualche rapida incursione e l’occasione me la offre su un piatto d’argento To The Bone, il nuovo lavoro di Steven Wilson.

L’album segna il cambio di etichetta per il musicista inglese, approdato ora sotto i vessilli della Caroline International, un ramo della prestigiosa Universal e registra la co-produzione di Paul Stacey.

Ma, sopratutto, rappresenta un’inversione di rotta, un cambio di traiettoria estremamente radicale, credo di potere dire mai visto prima nel suo pur proteiforme percorso musicale. Seppure preceduto da annunci, interviste e da alcuni singoli estratti, il CD nella sua interezza è decisamente spiazzante, in alcuni passaggi lontanissimo da quelle che sono le coordinate più note di SW.

(altro…)

Annunci

frontTramontata ormai un’epoca che ha saputo esprimere autentici geni (Hendrix, Zappa, Bowie, Fripp…), oggi ne viviamo un’altra nella quale tutto è diverso, senza troppi punti di contatto con il passato e profondamente ridimensionata. In un differente contesto e con le dovute proporzioni non ho dubbi però nell’affermare che Steven Wilson sia oggi uno dei pochi musicisti a possedere quelle stimmate.

Questo, e solo questo, è il motivo per il quale, contrariamente al solito, ho deciso di “raccontare” brevemente 4 1/2, un EP alquanto robusto che nelle intenzioni dell’artista dovrebbe fungere da ponte tra Hand.Cannot.Erase ed il prossimo disco. (altro…)

frontUna storia tragica, assurda ma reale è alla base del nuovo album di Steven Wilson in uscita in questi giorni per KscopeHand. Cannot. Erase. è infatti un concept basato sulla drammatica vicenda di Joyce Carol Vincent, una giovane donna inglese trovata cadavere nel suo appartamento a tre anni dal decesso senza che, incredibilmente, la famiglia o un amico avessero mai chiesto di lei.

Logicamente tutto questo ha il suo peso nei testi e nella narrazione musicale, sensazioni di malinconia, solitudine, degrado e abbandono sgorgano a profusione dalle tracce composte da Wilson e quello che ne viene fuori musicalmente è un lavoro piuttosto particolare: ineccepibile da un punto di vista tecnico, di scelta dei suoni, segnato da alcuni stacchi vertiginosi ma… (altro…)