Archivio per la categoria ‘Recensione Live Shows’

MARILLION

(Auditorium della Conciliazione– Roma, 12 dicembre 2019 )

 

Steve Hogart               v.         SH

Steve Rothery              g.        SR

Mark Kelly                   k.         MK

Pete Trevawas              b.        PT

Ian Mosley                   d.        IA

Praise Of Folly, Sam Morris, Emma Halnan

 

 

Siamo ancora qui, di fronte a questo formidabile gruppo, ad una versione nuova e migliorata di un’emozione che ci portiamo dentro da quasi 35 anni. E’ un fatto, non una coincidenza, che certo modo di fare musica (che per comodità possiamo chiamare prog) senta ad un certo punto l’esigenza di misurarsi con le modalità di esecuzione e le sonorità più vicine alla musica classica. La storia è piena di gruppi anche minori che affrontano le proprie composizioni accompagnati da più o meno grandi orchestre, con archi, strumenti a fiato di ogni genere, e tutto l’armamentario che segue. A volte i risultati sono deludenti, altre volte no. (altro…)

CrossRoads (Roma)

 

Mike Holmes (MH) Mike Holmes gt

Paul Cook (PC) dr

Neil Durant (ND) ky

Tim Esau (TE) bs

Pete Nicholls (PN) v.

 

Premessa con alto tasso di ovvietà di cui mi scuso fin da subito. L’esibizione live non è un dvd. Il concerto, una parte fondamentale del concerto, lo spettacolo, è composto da vari fattori. La band innanzitutto. Ma anche, e non ultima per importanza, la location e la modalità di fruizione. Le varie componenti devono essere tutte presenti perché scatti quella scintilla che non dico riesca a rendere sempre magica la serata, ma almeno non ti faccia pentire del viaggio (soprattutto se ti fai diverse centinaia di chilometri in auto), del tempo che hai dedicato all’evento, della fiducia che ci ha riposto. (altro…)

Una torrida serata fiorentina di luglio ha ospitato, all’interno della rassegna MusArt Festival, il ritorno di una band assolutamente seminale in ambito rock/jazz. Quarantadue anni dopo l’ultima esibizione sono tornati per un ultimo saluto denominato “One Shot Reunion” quei Perigeo che negli anni ’70 avevano fatto sognare moltissimi appassionati con le loro trame articolate.

Grande colpo d’occhio su Piazza Santissima Annunziata anche dal palco, dal quale si godeva la vista della cupola del Brunelleschi; pubblico di aficionados che denotava come prevedibile un’età media abbastanza avanzata per un evento che, come vedremo, non ha avuto solo il sapore della nostalgia per un’epoca ormai remota. (altro…)

Non è passata inosservata ai miei occhi la notizia di un nuovo concerto della band canadese in Italia (e a Firenze!), così come lo sarebbe stata invece la notizia dell’ennesima esibizione dell’ennesima cover band dei Genesis. Anche perché faccio fatica a considerarla una cover band. Qui siamo su un altro piano, che riesco a rappresentare solo con pensando a qualcosa come la filologia classica, la ricerca storica, l’investigazione profonda e quasi maniacale che sfocia in forme di vera e propria patologia identificativa. (altro…)

IQ – 9 febbraio 2018

Phenomenon (Fontaneto d’Agogna – NO, 9 febbraio 2018)

 

Mike Holmes (MH) Mike Holmes gt

Paul Cook (PC) dr

Neil Durant (ND) ky

Tim Esau (TE) bs

Pete Nicholls (PN) v.

 

Un concerto degli IQ in Italia, merce davvero rara e da maneggiare con cura, da non farsi scappare, per nessun motivo. Ed eccomi qui presente, ancora una volta,  con lo stesso amico e compagno di concerti con cui abbiamo festeggiato i 24 anni dalla prima volta in cui li avevamo visti, a Cusano Milanino, nel tour post Ever.

A parte Mike Holmes con gli occhiali, nulla è veramente cambiato: una combinazione unica e inconfondibile di suoni, questo incedere così tipico e trascinante, questa compattezza e padronanza assoluta dei mezzi e dei tempi: insomma gli IQ. (altro…)

Ad un anno di distanza dall’emozionante concerto di Verona, i Marillion tornano in Italia con due concerti in due luoghi suggestivi e comunque molto “evocativi” (l’Auditorium Parco della Musica a Roma e il teatro degli Arcimboldi a Milano) per chi ama vedere e sentire bene musica dal vivo. Ripensandoci, forse questo, se è stato indubbiamente il pregio, tuttavia ha segnato nello stesso tempo il limite almeno della serata di Roma (l’unica cui ho partecipato). (altro…)

ROBERTO VECCHIONI

OBIHALL – FIRENZE

29 MARZO 2017

con

Lucio Fabbri (pianoforte e violino)

Massimo Germini (chitarra acustica)

Marco Mangelli (basso)

Roberto Gualdi (batteria). (altro…)