Posts contrassegnato dai tag ‘Nick Beggs’

frontUn progetto che trova continuità; torna Nick Beggs con i suoi The Mute Gods. A poco più di un anno dall’esordio. il trio (completato da Marco Minnemann – batteria e chitarra – e Roger King – tastiere) è già in grado di sfornare la seconda fatica. Tardigrades Will Inherit the Earth, questo il titolo dell’album, diventa una sorta di cartina tornasole utile a verificare la solidità della band e la qualità compositiva, non sempre propriamente a fuoco al debutto.

Né si possono sottovalutare la forza e la spinta dei testi con i quali il biondo bassista inglese esprime in modo molto diretto, talvolta crudo, il dissenso, il disgusto e la preoccupazione verso gli eventi che funestano o condizionano il nostro tempo e la relativa passività con cui spesso tendiamo ad affrontarli nel quotidiano.

(altro…)

frontProsegue il viaggio intergalattico tra spazio e tempo intrapreso a suo tempo da Robin Armstrong con il progetto a formazione variabile Cosmograf. Una moderna trasposizione sci-fi, imperniata su alieni, del Mito di Sisifo di Albert Camus è il cuore della vicenda narrata nel nuovo album intitolato The Unreasonable Silence.

Alcune sonorità viaggianti nell’etere, nello spazio, le voci fuori campo e la tipologia di tematiche affrontate (gli eterni dubbi dell’Uomo, i disagi, la ricerca e la comprensione di un fine ultimo), erano tratti salienti già nelle due precedenti uscite, The Man Left in Space (notevole) e la successiva Capacitor (molto interessante).

The Unreasonable Silence completa credo una trilogia. (altro…)

frontThe Mute Gods è il nuovo progetto, la nuova idea che fa capo a Nick Beggs, ottimo bassista del gruppo di Steven Wilson e pure di Steve Hackett. La militanza nelle due band ha permesso al biondo musicista inglese di reclutare naturalmente due compagni di viaggio e cioè Marco Minnemann (batteria e chitarra) e Roger King, da molto tempo tastierista nel gruppo dell’ex Genesis.

Grazie all’intesa umana e musicale cementata negli anni, per la prima volta Nick Beggs ha inteso “esporsi” in prima persona, portando all’attenzione la sua musica e le sue tematiche affrontate con testi piuttosto diretti. Per chi segue da vicino infatti non è un mistero che il cinquantaquattrenne bassista spesso esterni la propria opinione sui social e nelle interviste in merito alle principali questioni che segnano il nostro tempo. (altro…)

frontTramontata ormai un’epoca che ha saputo esprimere autentici geni (Hendrix, Zappa, Bowie, Fripp…), oggi ne viviamo un’altra nella quale tutto è diverso, senza troppi punti di contatto con il passato e profondamente ridimensionata. In un differente contesto e con le dovute proporzioni non ho dubbi però nell’affermare che Steven Wilson sia oggi uno dei pochi musicisti a possedere quelle stimmate.

Questo, e solo questo, è il motivo per il quale, contrariamente al solito, ho deciso di “raccontare” brevemente 4 1/2, un EP alquanto robusto che nelle intenzioni dell’artista dovrebbe fungere da ponte tra Hand.Cannot.Erase ed il prossimo disco. (altro…)

frontCon i Agents Of Mercy fermi da qualche anno ed i lunghi tour vissuti come importante front man nella band di Steve Hackett, la carriera solista di Nad Sylvan si era persa nelle nebbie del tempo, l’ultimo squillo (Sylvanites) risaliva a ben 12 anni orsono.

Tra le pieghe di una data e l’altra degli estenuanti tour al soldo del chitarrista ex Genesis, il cantante di origini statunitensi ha cominciato a mettere insieme le idee per un nuovo progetto a suo nome che oggi vede la luce sotto le insegne InsideOut.

Courting The Widow trova raccolto attorno al biondo singer un cast di musicisti stellare, frutto per lo più di amicizie e/o collaborazioni maturate ormai da anni. (altro…)

Premetto che non si tratta di un vero e proprio live report, di solito questi li scrivo di getto (magari la notte stessa) per catturare le emozioni che un concerto sa regalare, col passare delle ore queste tendono fatalmente ad attenuarsi.

Questa volta ho preferito fare sedimentare, depositare le idee per esprimere solo alcune considerazioni a margine dell’esibizione di Steven Wilson, avvenuta martedì sera a Roma in un affollatissimo Teatro Sistina. I vari resoconti oramai sono già di dominio pubblico in rete. (altro…)

frontL’uscita di un nuovo lavoro di Steve Hackett, uno dei veri ultimi baluardi della golden era del progressive rock, suscita immancabilmente un misto di attesa, curiosità, speranza.

Sono sempre tante (e forse troppe) le aspettative riposte nei lavori del chitarrista inglese, rimasto per i fans più “attempati” l’unico vero anello di congiunzione con l’epoca dei Genesis; a mio parere però la chiave di lettura non deve essere questa, sono infatti trascorsi decenni da allora ed il Maestro ha prodotto nel frattempo una apprezzabile e cospicua discografia solista, con cui ha intrapreso molteplici strade del tutto personali. (altro…)