Posts contrassegnato dai tag ‘New Prog’

Dopo poco più di due anni e mezzo di silenzio si riaffacciano i tedeschi Subsignal presentando, via Gentle Art of Music, il loro quinto lavoro, La Muerta.

Prodotto da Yogi Lang e Kalle Wallner (RPWL), il nuovo album traccia un nuovo punto di equilibrio per il quintetto che nel frattempo ha arruolato Markus Maichel alle tastiere in luogo di Luca Di Gennaro; il sound della band pare sfrondato da qualche fronzolo di troppo, alleggerito e snellito nella costruzione e nello sviluppo, ricercando una miscela tra progressive, qualche incursione hard rock e non disdegnando, tra le righe, alcune sfumature A.O.R. e, azzarderei, persino pop.

Sulla carta mi si potrà obiettare che non c’è poi molto di nuovo ma in realtà, all’ascolto, le sensazioni sono diverse.  (altro…)

Annunci

Dici Spock’s Beard e ripensi agli anni ’90, a quella stagione che ha partorito e rappresentato la nascita della terza generazione del progressive rock, andato poi declinandosi sotto varie forme. Tredici album in studio all’attivo, alcuni live, un’intensa attività costellata di tournée in giro per il mondo…ed oggi, con il consueto piglio ed ancora una buona dose di entusiasmo, la band statunitense richiama l’attenzione su di sé con Noise Floor, il nuovo lavoro che si compone di un CD ed un EP suddiviso in 4 brani.

La formazione registra l’importante rientro (almeno in studio) di Nick D’Virgilio alla batteria in luogo del fuoriuscito Jimmy Keegan; l’album, come andremo a vedere, mostra le consuete peculiarità della band, qui a mio parere più a fuoco che nel recente passato (The Oblivion Particle). (altro…)

A tre anni di distanza da The Unquiet Sky ma, sopratutto, giusto a venti anni dall’uscita di The Visitor al quale idealmente si riallaccia, gli Arena pubblicano la loro nuova fatica dal titolo (appunto) Double Vision.

Si tratta del nono album in studio per la band guidata dal biondo tastierista Clive Nolan e dal batterista Mick Pointer; la formazione debuttò, lo ricordo, ormai ben 23 anni fa. I rimandi e la ricerca del completamento di qualcosa rimasto in sospeso su The Visitor sono qua e la sensibili e, per di più, in qualche modo confermati dallo stesso Nolan in sede di presentazione del disco.

L’esito, parere del tutto personale, ne è piuttosto distante. (altro…)

Marc Atkinson Brendan Eyre, vecchi compagni nei Nine Stones Close, decidono di riprendere il discorso iniziato qualche anno fa con Out Of An Ancient World e danno alle stampe il secondo capitolo facente capo al loro progetto denominato Riversea.

The Tide, questo il titolo del nuovo lavoro, annovera ancora una volta una fitta pletora di collaboratori noti agli appassionati; tra questi sono da ricordare Alex Cromarty (già batterista dei Mostly Autumn), Lee AbrahamRobin Armstrong Simon Godfrey alla chitarra, Tony Patterson qui in veste di flautista ed infine Olivia Sparnenn, voce dei Mostly Autumn.

Come si può vedere quindi, alcuni dei principali membri della scena new prog inglese attuale. (altro…)

Atteso da tempo, ecco finalmente il ritorno dei Kino, super gruppo inglese guidato dal chitarrista e cantante John Mitchell e dal bassista dei MarillionPete Trewavas, affiancati da John Beck (tastierista dei It Bites) e dall’ormai onnipresente Craig Blundell alla batteria.

Sono trascorsi ben tredici anni dall’esordio (Picture) e si cominciava fortemente a dubitare che ci potesse essere un seguito; invece, pubblicato per InsideOut, esce in questi giorni il secondo capitolo dal titolo Radio Voltaire.

Un album imperniato dunque sulle doti compositive, canore e non ultimo chitarristiche di John Mitchell, un album che quindi risente e si può accostare da vicino ai suoni dei due lavori a firma Lonely Robot. (altro…)

Abbiamo dovuto attendere tre anni e mezzo per il nuovo album dei Magenta ma, a conti fatti, ne è valsa la pena, We Are Legend, questo il titolo del successore di The Twenty Seven Club, si presenta infatti con tutte le credenziali per fare bene.

Soltanto tre lunghi brani compongono il nuovo disco della band gallese dove come al solito Christina BoothRob Reed Chris Fry offrono una prova degna del loro blasone; ad accompagnarli in questa occasione troviamo Dan Nelson al basso e Jon Griffiths alla batteria.

Confesso che di primo acchito la struttura della track list (per certi versi ardita) mi ha sorpreso ma, successivamente, ho potuto constatare la bontà della scelta. (altro…)

Con una regolarità impressionante tornano alla ribalta i Mostly Autumn del chitarrista, cantante e compositore Bryan Josh, forti del nuovo e dodicesimo lavoro intitolato Sight of Day.

Se il precedente Dressed In Voices (2014) mostrava un lato più “scuro” della band, l’ultima fatica riprende un cammino più solare, più aperto, maggiormente incline a quelle che sono le coordinate usuali e sciorina una durata davvero molto consistente, ben 73 minuti.

Gran parte del lavoro di scrittura è rimasta, al solito, sulle spalle del chitarrista il quale in questa occasione non si è davvero risparmiato. Le sonorità rimangono quelle care al gruppo di York e l’ascolto di Sight of Day conferma e mantiene le piacevolezze conosciute. (altro…)