Posts contrassegnato dai tag ‘Kscope’

Pubblicato da Kscope è da poco uscito Planets + Persona, terzo album in proprio di Richard Barbieri, tastierista ex Japan Porcupine Tree.

Un viaggio intergalattico, un itinerario strumentale proteso a vagare nello spazio e nel tempo tra comete, pianeti sconosciuti, asteroidi e mondi immaginari; un percorso fondamentalmente electronic dove emergono prepotentemente sfumature jazzy e dove, al massivo utilizzo di synth e suoni programmati, vengono abbinate sonorità acustiche per un mélange paesaggistico assolutamente singolare.

Lo schivo musicista londinese mancava sulla scena solista dal 2008, anno di pubblicazione dell’interessante Stranger Inside ma va detto subito che con questo lavoro propone qualcosa di alternativo. (altro…)

Annunci

frontPreceduto dalla notizia con la quale veniva comunicato il ritorno sul ponte di comando di Steven Wilson, è quasi in pubblicazione per Kscope V, il nuovo lavoro del progetto Blackfield del quale è compartecipe al solito il musicista israeliano Aviv Geffen.

Il penultimo album (Blackfield IV) con la presenza di SW a scartamento ridotto a mio avviso aveva segnato il passo, costituendo alla fine il tassello più debole e involuto del catalogo del duo perché, in definitiva, quasi monco di una parte e fortemente sbilanciato dall’altra.

Da allora sono trascorsi tre anni e mezzo, la collaborazione è tornata a pieno regime ed i risultati, lo anticipo, non si sono fatti attendere. (altro…)

frontCon Giancarlo Erra ed i suoi Nosound ci eravamo lasciati poco più di tre anni fa sulle note del pregevole Afterthoughts; ancora pubblicato per Kscope esce adesso Scintilla, quinta fatica della band romana da tempo trapiantata in Inghilterra.

Il fil rouge che lega tra loro i dischi del gruppo è sempre stato marcato,tanto da produrre in più di un’occasione risultati significativi quanto a ricerca delle atmosfere, particolare attenzione nella scelta dei suoni e, sopratutto, capacità di trasmettere molto sul piano emotivo.

In linea generale, pur con qualche variante e/o aggiunta, il nuovo lavoro si inserisce con naturalezza nel solco tracciato, giovandosi pure dell’apporto vocale di Vincent Cavanagh (Anathema) in due brani e di Andrea Chimenti, voce e co-autore di un altro. (altro…)

frontContinuando a mantenere una media invidiabile, Bruce Soord ed i suoi Pineapple Thief vedono in uscita per Kscope Your Wilderness, undicesimo album di una serie cominciata 17 anni fa. Dopo due prove discrete ma non propriamente esaltanti (All the Wars ed il successivo Magnolia), il front man ha pubblicato un album solista, eponimo, in cui a mio avviso ha innalzato la propria cifra stilistica oltre il livello conseguito con la band negli ultimi anni.

Ora è il turno di riproporsi con il gruppo, a pieno regime e tra l’altro con un ragguardevole ventaglio di ospiti: sono presenti infatti Gavin Harrison (batteria), John Helliwell dei Supertramp al clarinetto, Geoffrey Richardson dei Caravan per un quartetto d’archi e l’ormai fidato Darran Charles (Godsticks) alla chitarra. (altro…)

frontUn paio di anni fa l’occhio attento della label Kscope si è posato sull’inedito duo russo Iamthemorning portando alla ribalta con Belighted la cantante Marjana Semkina ed il pianista, tastierista e compositore Gleb Kolyadin. Una proposta musicale, la loro, piuttosto particolare e che, solo per banalizzare, si può definire crossover prog; molti infatti i richiami alla musica classica nelle dita e nella mente del pianista, capace di creare atmosfere eteree ed ovattate combinandosi con il timbro dolce ma presente della giovane singer.

Il progressive che di nuovo incontra lo spirito della classica; certo non una novità in senso assoluto ma sicuramente piuttosto peculiare in questa forma. (altro…)

frontTramontata ormai un’epoca che ha saputo esprimere autentici geni (Hendrix, Zappa, Bowie, Fripp…), oggi ne viviamo un’altra nella quale tutto è diverso, senza troppi punti di contatto con il passato e profondamente ridimensionata. In un differente contesto e con le dovute proporzioni non ho dubbi però nell’affermare che Steven Wilson sia oggi uno dei pochi musicisti a possedere quelle stimmate.

Questo, e solo questo, è il motivo per il quale, contrariamente al solito, ho deciso di “raccontare” brevemente 4 1/2, un EP alquanto robusto che nelle intenzioni dell’artista dovrebbe fungere da ponte tra Hand.Cannot.Erase ed il prossimo disco. (altro…)

KSCOPE341 DA1X22XX.inddQuando viene pubblicato l’album solista di un band leader la curiosità principale è quella di verificare se il nucleo dell’inedito è rivolto verso una direzione più o meno alternativa, oppure se fatica a distaccarsi dalle proprie radici. Non fa eccezione dunque l’uscita del disco (eponimo) di Bruce Soord, voce e mente compositiva dei Pineapple Thief che viene pubblicato ovviamente per Kscope.

Il solo Darran Charles, chitarrista e mente dei Godsticks, è presente a supporto, restituendo in questo modo la cortesia usata da BS in occasione della recente uscita del trio inglese. Nessun sodale della band quindi ha partecipato a questo che è il suo vero debutto solista, non considerando tale dunque la collaborazione del 2013 con Jonas Renske (Wisdom of Crowds). (altro…)