Posts contrassegnato dai tag ‘Kscope’

L’uscita di Rejoice ! I’m Dead (2016) aveva lasciato un interrogativo : canto del cigno e commiato per i Gong decimati nei membri originari oppure una nuova reincarnazione e l’inizio di un nuovo cammino ? A quanto pare la pubblicazione di The Universe Also Collapses, edito per Kscope, indica che la soluzione corretta è la seconda.

Kavus Torabi, chitarrista e cantante, è dunque l’erede designato a portare avanti e guidare per un nuovo percorso le sorti della incredibile ed imprescindibile band inglese che presenta qui la medesima line-up del disco precedente, per un album che prosegue imperterrito in quello che da sempre è un vero trip lisergico e psichedelico. Non un marchio di fabbrica, piuttosto la stessa essenza dei Gong e delle folli allucinazioni musicali di un visionario come Daevid Allen(altro…)

Annunci

Con un album compatto, straniante, insolito e difficilmente collocabile tornano in prima linea gli O.R.k. Ramagehead (edito via Kscope) è il terzo tassello di una project band che sta assumendo una dimensione sempre più concreta nonostante le distanze geografiche e la moltitudine di impegni, vedasi in particolare i casi di Colin Edwin Pat Mastelotto.

Un sound capace di incrociare efficacemente tra loro i percorsi di King CrimsonPorcupine Tree Soundgarden con una naturalezza che non può lasciare indifferenti. E a tutto questo, naturalmente, contribuiscono in modo sostanziale la voce di Lorenzo Esposito Fornasari (aka Lef) e la chitarra talvolta impetuosa di Carmelo Pipitone (Marta Sui Tubi) per un prog/alternative piuttosto originale e di carattere. (altro…)

Se due anni fa con Scintilla Nosound a mio vedere non avevano eccessivamente…brillato, oggi va invece registrata la tangibile virata electronic che la band guidata da Giancarlo Erra propone con Allow Yourself, sesto titolo del catalogo.

Pubblicato al solito da Kscope il nuovo lavoro si propone di scavare nella profondità del proprio sentire per dare spazio a quella urgenza comunicativa che in questo caso, esula dagli stilemi più conosciuti, più canonici, approcciando sonorità e voci disperate in modo personale.

Volendo cercare riferimenti, al fine di inquadrare meglio il discorso, si può pensare all’incontro tra alcune suggestive e liquide atmosfere post rock e l’angosciante ricerca elettronica di certi Radiohead, un punto di fusione di certo particolare per Nosound. (altro…)

Assoldato definitivamente Gavin Harrison ed il suo enorme bagaglio di tecnica ed esperienza, tornano a far parlare di sé i Pineapple Thief e lo fanno con Dissolution, nuovo lavoro del quartetto guidato da Bruce Soord, edito ancora una volta da Kscope.

E non è da poco la curiosità di andare a verificare la proposta della band a due anni di distanza da quello che rimane sin qui (a mio parere) l’episodio più completo e maturo della loro discografia, Your Wilderness.

In linea generale dunque si può parlare di una nuova stagione per Soord e compagni, le idee sono più a fuoco ed il cammino procede senza tentennamenti, giovandosi ora pure dell’apporto fattivo (ed in alcuni casi determinante) di un Gavin Harrison non più turnista, seppure di gran lusso, ma membro effettivo. (altro…)

Mariusz Duda, bassista e frontman dei Riverside, fa doppietta con la pubblicazione di Under The Fragmented Sky, sesto capitolo del side project denominato Lunatic Soul che segue a soli sette mesi di distanza l’uscita dell’ottimo Fractured.

Il nuovo album, edito ancora per KScope, vede il solo Wawrzyniec Dramowicz accompagnare alla batteria il bassista e cantante polacco, in quella che è una sorta di chiusura del cerchio tracciato con il disco precedente; anche qui è di nuovo un’intenzione electronic a fare da linea guida, un sentore che da tempo pervade Duda, emerso pure sulla sponda della band di origine con Love, Fear and the Time Machine.

La programmazione dei synth recita quindi un ruolo di primissimo piano, come del resto la voce calda ed evocativa, talvolta filtrata, del musicista. (altro…)

Edito per KScope esce in questi giorni Soyuz, il nuovo e decimo album degli inesauribili norvegesi Gazpacho. A grandi linee, l’idea alla base di questo lavoro fa riferimento alla impossibilità di “salvare” (per poi rivivere) i migliori momenti della nostra vita e quindi ecco la fantasia di congelare gli istanti e gli episodi più felici attraverso otto brani che raccontano altrettante storie, lungo i secoli e Paesi lontani; tra questi, come da titolo, il viaggio della navicella spaziale sovietica Soyuz, terminato per un guasto con la morte del pilota Vladimir Komarov.

Da un punto di vista musicale il sestetto ribadisce  la propria indole intimista, a tratti oscura ed incombente, crossover nel DNA e quel seme di minimalismo di stampo Radiohead che è quindi germogliato prepotentemente, accompagnato da altri riverberi più o meno evidenti o consueti. (altro…)

Tornano in gioco i TesseracT ! Due anni e mezzo dopo l’uscita dell’ottimo Polaris, il quintetto di Milton Keynes pubblica per Kscope il quarto lavoro, intitolato Sonder.

Un album estremamente conciso e compatto, solo 36 minuti la durata, utile a riportare l’attenzione sulla giovane band inglese guidata dal front man Daniel Tompkins. Gli otto brani proposti mostrano di nuovo grande coesione, forza d’urto e pure la propensione ad una più facile fruibilità. Non per questo il “carico” si è alleggerito, ci sono infatti dei momenti piuttosto densi ed intricati ma la sensazione è quella che i TesseracT vogliano riuscire ad arrivare ad una platea prog metal più vasta, smussando almeno qualche angolo ed allargando il raggio d’azione. (altro…)